Zona Persefone

Preserv...iamoci - Rotaract Club Nicosia

 PRESERV…IAMOCI: campagna di sensibilizzazione delle malattie sessualmente trasmissibili della famiglia rotariana di Nicosia.

 

La famiglia rotariana di Nicosia (ovvero Rotary, Rotaract e Interact) ha effettuato presso il locale Liceo di Nicosia nei giorni del 25, 26 e 27 Novembre una campagna di sensibilizzazione e prevenzione delle Malattie Sessualmente Trasmissibili. 

I ragazzi adolescenti frequentanti quella scuola hanno potuto avere una visione critica su ciò che spesso è stato visto come tabù e quindi mascherato o malcelato con leggende metropolitane che poco hanno a che fare con la Scienza e quindi con le ovvie conseguenze che si conoscono (l’AIDS è forse quella più tristemente “in voga”, ma diverse sono le malattie che rientrano in questa categoria e che possono essere trasmesse a causa di una non corretta informazione). 

Due sono stati i relatori che hanno affrontato l’argomento, ovvero il Dott. Ignazio Di Stefano e il Dr. Giovanni Carlisi rispettivamente membri del Rotary e del Rotaract Club di Nicosia.

Il tema, sposato anche quest’anno dal Distretto Rotary 2110, si ricollega ad una precedente campagna di sensibilizzazione portata avanti dai Rotaract Clubs di Nicosia e di Bagheria nel marzo del 2018 come progetto di gemellaggio. Lì non tanto i ragazzi delle scuole superiori (o meglio non solo loro) ma tutti i ragazzi Nicosiani e Bagheresi sono stati protagonisti di questa campagna (svolgendosi nel pieno centro della “movida” giovanile). 

L’evento, lodevole, ripreso mediante la sinergia dei tre club nicosiani (presieduti rispettivamente da Salvatrice Rizzo, Irene La Porta e Matteo Pero), merita un plauso non tanto nel particolare ma in un’ottica generale perché in un mondo pieno di leggende metropolitane e cattiva informazione (derivante spesso da dicerie o, ancor meglio “curtigghiu”), pone l’accento sulla certezza del metodo scientifico e quindi su dati empirici e incontrovertibili. L’evento quindi, in una dimensione più ampia, sensibilizza su una informazione corretta attuata da divulgatori competenti (e non gente la cui preparazione è riconosciuta dalla prestigiosissima Università della Strada).

Questa prima attività, avvenuta dal 25 al 27 novembre a Nicosia, e prossimamente a Bagheria, si colloca all’interno del progetto di rinnovo del gemellaggio tra i due clubs che, anche per quest’anno, avrà come tema le malattie sessualmente trasmissibili. Infatti, dopo questa prima fase di sensibilizzazione nei licei, i due clubs saranno impegnati nelle relative piazze giorno 7 dicembre (come due anni fa) nella sensibilizzazione di tutti quei ragazzi protagonisti della movida nicosiana e bagherese, attraverso l’uso di dépliant informativi e distribuendo gratuitamente profilattici. 

Alain Calò