Zona Valdemone

Premio L’ALBERO DELLA MUSICA: Rotaract Club Messina Peloro

 

“La musica può nominare l’innominabile e comunicare l’inconoscibile” sosteneva Leonard Bernstein, della veridicità di tale asserzione è stata data prova giorno 26 ottobre presso l’auditorium del Palacultura “Antonello Da Messina”, dove si è tenuta la prima edizione del premio “L’albero della musica”.

A distanza di un anno dalla donazione dell’omonima statua di bronzo che sorge proprio nel piazzale antistante la struttura, il Rotary Club Messina Peloro ha istituito l’evento con l’intenzione di celebrare l’arte musicale incentivando la crescita artistica di giovani talenti emergenti.

Un premio di cinquecento euro è stato riconosciuto al pianista Marco Zappia, selezionato tra i migliori solisti neodiplomati del conservatorio A. Corelli dal Comitato Tecnico Musicale composto dal direttore del conservatorio, i direttori artistici dell'Accademia Filarmonica, dell'Associazione V. Bellini, della Filarmonica Laudamo e del Teatro Vittorio Emanuele.

 Marco, nonostante la giovane età, è riuscito a deliziare gli animi dei numerosi partecipanti all’evento dando prova di passione e tecnica ineccepibile, attraverso le opere di Wagner e Debussy. 

Nel corso della giornata, si sono uniti al vincitore di questa prima edizione, l’Opale Accordion Quartet,  Ensamble di Fisarmoniche ai quali va riconosciuta grande competenza artistica e i The Sound Of Brass, Ensamble di ottoni e percussioni guidati dal direttore d’orchestra S.Cardullo.

Il successo dell’evento ha reso onore al Rotary club che, anche quest’anno, è riuscito nel proprio intento facendo si che la musica parlasse di sé, da sé, ricordando a tutti che non vi è simbolo più forte di unione globale e mezzo di espressione di ciò che cela l’animo umano. 

L’intero importo ricavato dall’iniziativa verrà devoluto al Rotary  Fondation per essere investito in attività di service nell’interesse della collettività.

 
 
 
Marco Piccolo